Vendola, pugliamo l’Italia o itagliamo la Puglia?

8 November 2010

Come fa Nikita Vendola, aspirante candidato alle elezioni primarie del Centro-Sinistra, a pubblicare sul proprio sito risposte così demenziali come la risposta n. 10 della seguente intervista a “Italia Terra Nostra”?
E’ una risposta retorica?

http://www.nichivendola.it/sito/mcc/informazione/sul-san-raffaele-del-mediterraneo.html

Domanda n. 10:  Signor governatore sa che il suo amico don Verzé è socio d’affari di Berlusconi?

Risposta n. 10: No.


NUOVO RACCONTO

23 August 2009

Negli ultimi tempi il reality show dell’autoritarismo sberluconiano ha toccato punti ignominiosi della sua parabola storica. Che la sensibilità politica dei ‘cattolici’ (qualunque cosa questo termine significhi, partiti o vescovi o base elettorale) sia stata toccata, almeno in parte, soltanto dai recenti episodi di meretricio autocratico, piuttosto che dalle autentiche infamie perpetrate a suo tempo da Sberluconi a livello di giure istituzionale, la dice lunga sugli effetti malsani che il cattolicesimo politico tuttora spande nella vita pubblica italiana (per tacere di quella privata).
In veste di telemagnàte, Sberluconi ci ha devastato il fegato con i suoi reality per tutti gli ultimi quindici anni. Chi di reality ferisce, di reality perisce. Adesso è ora di derealityzzarsi: raccontare un racconto diverso, se non proprio nuovo, per cercare di sottrarci almeno un poco alla saturazione dell’etere sberluconiano che ci va incrostando il metabolismo sino al punto di generare baccelloni ultracorporei cloni di se stessi.


Beccheria Diaz, la scuola dei dittatori

31 March 2008

Assolutamente tranquillo, si dice

De Gennaro, rinviato a giudizio

per turbativa di stato democratico:

crearlo caudillo dell’immondizio

a Napoli, era già pena rieducativa

o sottile allegoria del suo stallatico?


Gli uccelli – Idillio domestico

23 December 2007

uccelli2idillio-domestico1.jpg


Gli uccelli – Maturità

17 December 2007

uccelli1maturita2.jpg


Poltrone d’orate: re fuso sul “Corsaro della Pera”

7 December 2007

La qualità del lavoro e dell’opinione pubblica si misura anche dalle propensioni ittiologiche del monumentale “Corsaro della Pera”: che oggi, a proposito di una rinomata esibizione di manichini ossibuchivori, titola: POLTRONE D’ORATE.

orata.jpg

I notabili sedenti, costretti su così squamosi e viscidi sedili, non potevano fare a meno di scivolare viscidamente sul pavimento, risultando impossibile qualunque postura atta a conservarli seduti. Era tutto un argentino guizzare mucillaginoso di schienali e braccioli e regginatiche. Il lezzo di pesce giungeva sino alle nari di Nettuno: c’è del marcio, nel sottoscala.

Va’ pensiero sull’ali d’orate.


Encicliche che menata: e da che pulpito

1 December 2007

SPESALVI

Il berlusconismo ha esaurito,

pare, la sua spinta propulsiva:

ma ora ci restano, perlomeno,

tonnellate di merda da spalare via.

Rimboccarsi le maniche? Da mo’

il papismo ha esaurito, nonché brio,

ogni spinta propulsiva, epperò

continua a seminar di Beati franchisti

gazzette e cerimonie in eurovisione.

Sperare è bene, non sperare è meglio.

Fumus persecutionis


È nato! (Sonettoide) – XXIX

25 February 1997

Da quasi un mese arroccata nel cesso,

sulla sua atarassia intestinale

strizza le meningi e mi munge il sesso

per spasso, con la protesi dentale

mitrandolo: e col fumigante leppo

ch’esala mite dal covato mucchio

di merda, onde scricchiola il coppo zeppo,

l’incensa, e litània: “Pio padre, un succhio

su, baciami il culo, un succhio, ti prego,

ché un tòcco aguzzo di stronzo m’ingolfa!”

Ma soavi voci zittiscon la solfa:

“Dolce figliola… putre otre di sego,

ciscranna incipriata, cisposa troia,

paga lo scotto e ti cavo la foia!”

All’emorroide croia

la ventosa avvinghio del mio labbro:

pompando come mantice di fabbro

dei polmoni la spugna;

sturo la tana pelosa del coso,

angue che sguiscia, tenace, colloso,

tra i cuscini di sugna

in cui ribolle il sugo della prugna,

e casca come testa ai piè del boia.

“Ei piovve tal qual ploia,

nacque come scoria di mangiatoia:”

geme la mamma, “Venite odoremus!

Portonemque meum inferni charta nettemus.