A morte l’Italia, a morte Berlusconi

10 February 2010

La seria proposta viene dai Basiji iraniani.

Attenzione: sono tutti giudici comunisti!


Peste clandestina

20 October 2008

Sospendere l’assistenza sanitaria agli immigrati clandestini?
Chi poteva proporlo se non i difensori leghisti delle radici cristiane dell’Europa?
Suona tutto molto cristiano, davvero cristiano, eh?

E suona tutto altrettanto utile alla salute pubblica, altro che!
Che se un clandestino ti viene in casa con la peste, per dire, la peste se la tiene ben bene nascosta, piuttosto che farsi curare, perché curarsi vorrebbe dire essere arrestato per l’orrendo, disumano reato di clandestinità.
E intanto che si tiene ben nascosta la peste, ma dài!, magari te l’attacca pure a te, che quella mica ci sta a passare per clandestina, no no, appena può ti s’attacca al culo e non la stacchi più: al tuo e a quello lardoso e fottuto di tutta quanta la Lombardia.

Proprio una cosa da furbi e da grandi economi, questa di non curare i clandestini! astuzia colata allo stato puro.
Chi poteva proporlo, se non i simpatizzanti del fu Joerg Haider?


Mamma, Marat è ferito – II

17 May 2007

Reciso i miei polsi,

una mano tesa ho colto

per grattarmi il molle e le croste della schiena

e il portauova: la mia destra.

Costipato nel secco semicupio rugginito

(ermo cantero non rivendicato)

ripieno di Seneca e d’aria.

 

Non scovo due gocci.

Sono, trafelato, deserti

su cui cumuli filacciosi di sangue

si raggrumano da dita artritiche.

 

La vita: filtra slitta fila

è d’acqua tra le dita, impermeabili

sudan volatili in umido,

impastano con l’umore del tempo

(rombo… di mosca poligonale).

Non piovo anzi,

non piovo mai.

 


Limericco – XLII

4 February 1997

Nell’ex Alto Volta

c’era una volta

Piero Sivolta,

e ponderava talvolta:

“Mado’ che fatica

far venire la fica!

Checché se ne dica,

è arta arte e antica…

Gentil non è mica,

da parte tua, amica,

starti a tirare la cicca,

mentr’io ne cavo cica

e per di più fo cilecca.

Tienti il can che te la lecca!”

Così per ripicca

Piero s’impicca

e squaderna le tonsille

all’amica imbecille.

Che si finge sconvolta,

perciò viene assolta,

benché le ci voglia

la pila di Volta,

ché pare una rana

dalla pelle ritolta,

e freme e si pente

per virtù di corrente.

Ha da far la puttana

se è stata chiamata,

se c’è vocazione

a esser chiavata:

all’umana condizione

provvede iddio sanza fallo,

eiacula gli ingegni

comecché tu ti segni:

c’è chi fa puttana

e chi pappagallo.

Ci fu una volta,

nell’ex Alto Volta,

Piero Sivolta,

capo di una fallita rivolta;

ma la storia è stravolta:

rimasto senza topa,

Piero prende la scopa:

Piero s’accoppa.